Specialty, a Firenze apre Fluid per sensibilizzare sulla cultura del caffè

Il nuovo locale punta ad educare il consumatore, grazie a un’esperienza immersiva, alla qualità degli ingredienti e a personale altamente formato sulla cultura del caffè
Specialty, a Firenze apre Fluid per sensibilizzare sulla cultura del caffè

Fluid è un locale dedicato al caffè specialty, inaugurato a maggio a Firenze. L’ambizione è di puntare i riflettori su cosa vuol dire essere un tostatore di qualità e sulle particolarità di questa tipologia di prodotto, ancora non così diffusa in Italia come lo è all’estero.

L’INTERVISTA

Ci spiega più nel dettaglio Giuseppe Adelardi, amministratore di IDEA Food & Beverage, società di consulenza de “Le piantagioni del caffè”, collaborazione da cui nasce il progetto di Fluid.

Da cosa nasce l’idea e l’esigenza di un locale come Fluid focalizzato sul caffè specialty?
Il caffè specialty rappresenta l’1% del mercato italiano e tutti coloro che lo hanno assaggiato ancora non lo caratterizzano. Ci sono ampie possibilità per trasformare quello che ora è una nicchia in una nuova abitudine per gli appassionati e non solo. Ci basiamo infatti sul concetto di “specialty people”. Inteso come persone che hanno voglia di scoprire e che hanno quella curiosità in più per andare oltre le abitudini consolidate.

Che cosa si trova quando si entra da Fluid?
Abbiamo creato un banco molto grande, che permette di sederti come in un pub vicino all’operatore, il quale ha così la possibilità di interagire e spiegare. Le macchine del caffè sono state scelte per non avere barriere fisiche tra barista e cliente. Ogni caffè viene macinato nel momento in cui viene richiesto. Abbiamo un blend di caffè di ingresso, un espresso con nostra miscela 100% arabica, per non discostarci troppo dalle esigenze di chi entra in una caffetteria in Italia in questo momento. Ma la domanda che poniamo sempre al cliente è “vuoi sapere di più del caffè che stai bevendo, di altre alternative?” E chi entra nel nostro locale è qui anche per questo, il 90% dice di sì e prova gli specialty e una concezione anche diversa di questa bevanda.

Per quanto riguarda invece la proposta di accompagnamento del caffè specialty lato cucina e pasticceria?
Il panificatore Davide Bedu è il nostro fornitore di tutta la parte di panetteria e pasticceria, pensata con delle caratteristiche imprescindibili. Ingredienti di qualità che possono essere assemblati dal nostro staff. Non cuciniamo nulla al locale per avere meno impatto sulla struttura e sull’ambiente, ma abbiamo pensato a un’offerta particolare che vada di pari passo con quella del caffè. Cioè ricercata, di qualità e di interesse per il cliente. Solitamente proponiamo il caffè in filtro in abbinamento con i piatti salati. I caffè dedicati alla colazione hanno caratteristiche che li avvicinano più ai tè e si accompagnano meglio con le proposte dolci. Nel mezzo alla sala è posizionata una macchina che facilita la preparazione della chemex, e quindi del caffè in filtro. Questo in modo che anche il cliente – acquistato il caffè macinato – possa prepararlo in autonomia e sentirsi protagonista dell’esperienza.

Può interessarti anche: “Faro, il bar specialty di Roma che strizza l’occhio al territorio”

© Riproduzione Riservata