Massimo Zuccarini: qualità che dà spettacolo

Massimo Zuccarini della Pasticceria Gelateria Sciu Sciu Garden di Fano ci presenta le sue tre opere di pasticceria con le quali ogni giorno conquista i suoi clienti, che durante la bella stagione possono accomodarsi nello splendido giardino

LA STORIA

Massimo Zuccarini, originario di Napoli e da 15 anni trasferito a Fano, da sempre ha la pasticceria nel sangue. «La pasticceria è stata per me un richiamo fin da giovanissimo, quando, subito dopo le scuole medie, ho raggiunto mio fratello Bruno per lavorare in una Pasticceria a Portici, in provincia di Napoli. Lì la passione si è installata in modo sempre più potente, in un crescendo di esperienze formative che mi hanno entusiasmato e spinto a provare diversi locali e specializzazioni». I due fratelli sapevano che dovevano fare esperienza ognuno per conto proprio prima di mettersi in società. «Ho lavorato a San Giorgio a Cremano insieme al Maestro Luigi Avoglio, membro dell’Associazione Pasticceri Napoletani, di cui sono stato il tredicesimo iscritto. Poi sono passato al Maestro Ciro Scarpato a San Sebastiano al Vesuvio. Importante anche il mio incontro con il Maestro Piro Angelo, molto forte nelle lavorazioni dello zucchero tirato e soffiato. All’epoca le pasticcerie erano veri e propri laboratori artigianali e artistici, si produceva tutto in casa, comprese caramelle e confetti. Alla fine io e mio fratello ci siamo ritrovati per aprire una pasticceria a Pollena Trocchia, ai piedi del Vesuvio».

A TU PER TU

Quando si è trasferito a Fano e perché?
Oltre vent’anni fa, sono venuto a Fano in vacanza e mi sono innamorato del posto, oltre che di mia moglie Lorella. Insieme abbiamo acquisito il laboratorio in cui avevo lavorato per un anno, una grande rivendita di pasticceria all’ingrosso. Dopo circa sei anni abbiamo deciso di puntare su una pasticceria in proprio e ci siamo trasferiti qui in questa location con 120 mq di giardino e 70 di laboratorio.

Quali sono i vostri prodotti icona?
Ovviamente la pasticceria napoletana, che ho iniziato a proporre al pubblico fanese anni fa, riscuotendo un notevole successo: in particolare con sfogliatelle napoletane, pastiere e babà.

Come seleziona le materie prime?
Le materie prime sono il mio pallino. Per me è fondamentale scegliere i prodotti migliori sul mercato perché il cliente deve ritrovare sempre la stessa qualità. Mi hanno insegnato che la pasticceria è un’arte e deve essere un piacere per il palato. Ringrazio Roberto Fabbri della Dulca di Rimini per avermi fatto conoscere i prodotti Senna, che uso ormai da vent’anni. Impiego il Senna Delikatess e il Senna Burro Piatto per sfogliare dolci e salati. Mi dà molta soddisfazione anche il Senna Melange+Platte 51% per i vantaggi della margarina e l’aroma fine del burro.

Scopri la ricetta del dolce Don Abbondio

Scopri la ricetta del Croissant Ricotta e Pera

Scopri la ricetta del Bacio della Fortuna

© Riproduzione Riservata
Related Posts