Kohi Tokyo 1982 apre a Milano

Kohi Tokyo 1982 è l’ultima novità in fatto di caffetteria arrivata a Milano. Più precisamente nella stazione metro di Porta Romana. Punta già ad espandersi entro la fine dell’anno

IL FORMAT

Lo scorso 18 maggio la stazione metropolitana milanese di Porta Romana ha visto l’apertura di Kohi Tokyo 1982. Si tratta di un format di caffetteria di chiara ispirazione nipponica, riassunta in un concept pensato per rispondere alle esigenze di viaggiatori e lavoratori che ricercano qualità anche in posti non sperati. Gli ideatori la chiamano “caffetteria urbana”, e sono i soci della M&T, società di consulenza che ha studiato il progetto in ogni dettaglio. La realizzazione è stata alla Augusto Contract. “L’idea è nata nel 2019”, racconta uno dei co-fondatori Carlo Meo, “avremmo dovuto aprire a febbraio ma poi con l’emergenza Covid-19 siamo stati costretti a posticipare”.

IL CAFFÈ

Per il reparto caffetteria“Abbiamo la macchina per espresso La Marzocco con sistema Modbar e facciamo anche estrazioni in filtro, tutto con la nostra miscela K, creata appositamente per Kohi da una torrefazione di nicchia italiana, di cui per il momento preferiamo non svelare il nome”. Si possono poi trovare anche cappuccini, cold brew (il caffè estratto a freddo perfetto per la stagione estiva). Tutto è solo per l’asporto e disponibile in un’unica taglia. Diversa la macchina per quando il maggior afflusso di clientela chiama esigenze differenti. In tal caso viene usata la macchina per caffè americano Bunn, sempre con il blend del bar, che però è “rotondo e dal gusto più vicino a quello italiano, non il classico specialty tendente all’acidità”. Per il servizio della colazione sono inoltre disponibili tre tipologie di brioche. Una delle massime della caffetteria è riassunta infatti in questa formula: non ci servono tante proposte, ne vogliamo poche ma buone, siamo un locale di passaggio. A breve Kohi lancerà anche una App per prenotare il proprio ordine, in modo tale da garantire un servizio sempre più efficiente che punta ad ottimizzare al massimo i tempi.

LE ALTRE PROPOSTE

A pranzo previsti bretzel tedeschi e focaccia con grano Senatore Cappelli, a merenda invece i soft drinks e i gelati di Grom e Algida, ma “solo qualche edizione limitata, come il Cornetto realizzato in collaborazione con Andrea Tortora”. Ma anche il sushi di Kelly Deli e due tipologie di poke. Una scelta dettata dal fatto che: mettersi a fare panini non rientra nel concetto di caffetteria urbana a cui puntiamo”.

SI PENSA ALL’ESPANSIONE

Attualmente Kohi è aperta dalle 7 del mattino alle 19 di sera dal lunedì al venerdì e il sabato dalle 8.30 alle 20.30. Si sta valutando di tenere aperto il punto vendita anche la domenica, una volta terminata l’emergenza Covid.  Nei progetti anche l’espansione: “Abbiamo intenzione di aprire dai 2 ai 4 punti vendita a Milano entro la fine dell’anno, sempre nelle stazioni o comunque in punti di snodo e traffico intenso”.

© Riproduzione Riservata
Related Posts