Quando il vino è storia: il Collio

Il Collio è una zona viticola conosciuta in tutto i l mondo per la sua varietà di vini bianchi, caratterizzati da una spiccata mineralità e una grande longevità. Questa zona collinare, collocata fra le Alpi Giulie ed il Mare Adriatico, crea un microclima assolutamente unico  per  ventilazione  ed  escursione  termica,  in  grado  di  sposarsi  perfettamente  con  la  “ponca”,  il caratteristico terreno del Collio fatto di marne di origine eocenica, ideali per la coltivazione della vite. Il Collio richiama alla mente uno stupendo sussegui di declivi dove vengono prodotti i migliori vini bianchi d’Italia da vitigni autoctoni quali Malvasia, Ribolla Gialla e Friulano, accanto ad un universo di vitigni internazionali.
I vitigni autoctoni del Collio:
Dire autoctono nel Collio, significa fare riferimento essenzialmente a quattro grandi vitigni:
Malvasia: E’ presente da molti secoli nel Collio, dove ha trovato il suo habitat ideale. E’ caratterizzato da un colore paglierino chiaro con riflessi verdi ed un profumo netto che richiama la frutta esotica ed i l pepe bianco. Al  palato  si  presenta  asciutto,  fresco,  vivace  e  di  buon  corpo.  E’  ottimo  come  aperitivo,  ma accompagna bene anche minestre, risotti e pesce.
Ribolla Gialla: E’ il più antico vitigno autoctono, del quale si trovano ancora i segni di viti centenarie nella microzona di Oslavia. I primi documenti che ne testimoniano la presenza risalgono addirittura al 1300. Ha un colore paglierino vivace e un profumo e
legante ed intenso. Se vinificata in legno o macerata, la Ribolla gialla diventa rotonda, con note più intense. Predilige frutti di mare e piatti delicati di pesce.
Friulano: E’ uno dei più famosi e rinomati vini del la zona fino al 2007 chiamato Tocai Friulano. Ha un colore  paglierino  con  caratteristici  riflessi  verdolini  ed  un  delicato  aroma  fresco  vegetale e  sentore   di mandorla. Il sapore è pieno, di corpo, armonico. Nel Collio viene usato come aperitivo, ma è ideale anche da abbinare a piatti di pesce e grigliate di carni bianche. E’ particolarmente adatto ad accompagnare il prosciutto crudo locale.
Picolit: E’ un vino nobile e rarissimo, dal colore giallo paglierino con riflessi dorati più o meno intensi, profumo coinvolgente e piacevole, che ricorda i fiori di campo ed il miele d’acacia. Il sapore è dolce, ampio, vellutato. E’ perfetto come vino da meditazione.
La vera essenza e anima del territorio, progetto ambizioso del Consorzio di Tutela, è il Collio Bianco: frutto  dell’assemblaggio  di  uve  diverse,  ha  in  sé  tutte  le  caratteristiche  della  sua  terra  e  dei  suoi produttori.

© Riproduzione Riservata
Related Posts